1. 18:47 28th Aug 2012

    Notes: 107

    Tags: Sorelle

    Magari hai deciso che l’ultima volta, quella in cui ti sei spezzato tutte le ossa contro il muro delle tue illusioni infrante, quello in cui hai rinunciato alla tua vita, ai tuoi sogni, alle tue abitudini, per l’amore del tuo cuore, deve essere davvero l’ultima volta. E che da adesso in poi non rinuncerai nemmeno al pisolino della domenica pomeriggio, per un’altra persona.
    Non al gatto se chi ami è allergico (si faccia vaccinare, se vuole), non a dormire dalla tua solita parte nel letto, non a uscire una volta a settimana per i cazzi tuoi. Nemmeno per una settimana all’anno, sia chiaro.
    Non ai tuoi tempi – nemmeno a un minuto, dei tuoi tempi.
    Non ai tuoi spazi – nemmeno a un centimetro, dei tuoi spazi. E così ti metti al sicuro.
    Sai che la persona che ami (che dici di amare, almeno) potrebbe lasciarti, tradirti, scomparire, deluderti, e tu sopravviveresti senza battere ciglio.
    Oddio, magari due lacrimucce sì; due lacrimucce, un paio di pasti saltati, una sonora sbronza.
    Ma niente di più. D’altra parte, su, quella persona non era così importante da aver visto in fondo a te.
    Mica eri folle d’amore.
    Solo i folli d’amore muoiono d’amore, o ci vanno vicini, no? Noi, equilibrati equilibristi, saldamente egoisti, fortemente egocentrati, provati da mille dolori – anche, soprattutto – siamo sopravvissuti a ben altro.
    Non possiamo morire per un amore che finisce.
    Non siamo morti con le macerie della nostra vita in pezzi, figurati.
    Siamo sopravvissuti alla morte reale di persone che amavamo molto; siamo rimasti in piedi, le abbiamo anche dimenticate, almeno in parte (che faccia aveva mia madre? che odore aveva, davvero, mia madre? che espressione aveva quando era felice? e la voce? insomma, si perdono un sacco di ricordi, basta dare tempo al tempo): la fine di un amore non può che farci un po’ di solletico. Poi passa. Ecco. Al netto di tutta la saggezza, i mantra, lo yoga, il buddismo, l’autonomia psicologica e altre cose, tutto questo non è amore. L’amore non è morirne, sia chiaro.
    Ma è sentire, con ogni pezzo di te, che potresti, morirne.
     
    1. dipendentedallamusicax reblogged this from plettrude
    2. jawaadquiff reblogged this from plettrude
    3. alegriaescosabuena reblogged this from quattrogiornichetiamo
    4. cartapesta reblogged this from paroledicarta
    5. damibasia reblogged this from xxeffe
    6. confessiontomake reblogged this from plettrude
    7. musa-dinessuno reblogged this from al-ni-lam
    8. al-ni-lam reblogged this from silenziosa-mente
    9. blondeattitude reblogged this from plettrude
    10. goingback-t0505 reblogged this from alicesilizium
    11. alicesilizium reblogged this from ciminiera
    12. paroledicarta reblogged this from cys-theine
    13. ciminiera reblogged this from silenziosa-mente
    14. silenziosa-mente reblogged this from cys-theine
    15. cys-theine reblogged this from quattrogiornichetiamo
    16. miaoberry reblogged this from ocean-of-unsaid-words
    17. ocean-of-unsaid-words reblogged this from mentaltrips